NEGOZI, UFFICI, BAR… TANTE PICCOLE REALTÀ, STESSE GRANDI ESIGENZE

Esercizi pubblici e attività commerciali di piccole dimensioni sono collocati di solito all’interno di edifici più complessi, come condomini o centri commerciali, progettati con soluzioni impiantistiche che provvedono alle esigenze di massima. Ogni locale che ospita clienti ha però bisogni particolari, determinati dagli orari di apertura, dall’esposizione delle vetrine, dall’attività che vi si svolge o dall’apporto calorico di fonti interne. Tutti questi locali sono accomunati dall’esigenza di far sentire a proprio agio il cliente, di creare un comfort che favorisca il lavoro, il colloquio e la vendita. Per questo è necessario trovare le soluzioni impiantistiche più calibrate ed efficienti per ogni esigenza.




LE PRINCIPALI CAUSE DI CONSUMI ELEVATI

I consumi maggiori sono determinati da caldaie di vecchia concezione che hanno uno scarso rendimento e spesso disperdono parte del calore prodotto.
Un sistema di regolazione non autonomo o poco efficiente, determina sprechi nella fornitura del calore, che può avvenire in quantità non modulata o oltre gli orari di apertura.
I radiatori o i fancoil possono essere poco efficienti, collocati in posizione non utile o di disturbo.
La fornitura di caldo o freddo non sempre tiene conto degli apporti calorici delle apparecchiature interne e delle vetrate esposte.
L’isolamento o le vetrine possono essere poco efficienti e disperdere molto del calore prodotto.


AREE DI INTERVENTO
  1. Generatori ad alto rendimento come caldaie a condensazione, o pompe di calore che provvedono anche al raffrescamento estivo.
  2. Sistema di termoregolazione climatica con sonda esterna per gestire l’impianto secondo le reali condizioni meteo.
  3. Sistema autonomo di regolazione della temperatura.
  4. Ventilazione meccanica controllata per garantire aria pulita e temperatura costante, riducendo i consumi grazie al recupero di calore.
  5. Climatizzatori con tecnologie ad alta efficienza che riducono i consumi e modulano l’utilizzo secondo le necessità.
  6. Accumulo per la produzione di acqua calda, se possibile associato a pannelli solari.
  7. Involucro edilizio (serramenti, vetrine, pareti, tetto e solai) a bassa dispersione di calore per ottenere il massimo risparmio energetico e garantire anche l’isolamento acustico.